GALLETTO DI ROCCIA

GALLETTO DI ROCCIA - GALLETTO DI ROCCIA

Distribuzione e habitat: Venezuela, Perù, Colombia, Ecuador, Bolivia, nella foresta nebulosa (fra i 500 e i 2500 metri circa), soprattutto nelle gravine (profonde forre o canyon nella roccia, generalmente calcarea, scavate dalle acque; possono essere profonde diecine o centinaia di metri). La foresta nebulosa è caratterizzata da grande umidità, da terreni sottili e poveri, tappezzati di muschi e ricchi di felci e altra vegetazione.

Abitudini e alimentazione: si nutre dei frutti delle Lauracee, ma non disdegna insetti, piccoli rettili, rane.

Riproduzione: gruppi di maschi, dagli intensi colori rosso e nero, si riuniscono in luoghi chiamati lek, riutilizzati per generazioni. Qui, accompagnandosi con versi gutturali, si esibiscono in complesse danze, allo scopo di propiziarsi l’attenzione di una femmina. Questa, dopo aver costruito il nido, sceglie il compagno di suo gradimento, si accoppia e poi procede alla cova e all’allevamento dei piccoli, uno o al massimo due, per conto proprio. Il nido, simile a quello delle nostre rondini, è una semicoppa di saliva, fango e rametti, attaccato alla parete di una grotta, spesso sotto o accanto a una cascata.

Conservazione: localmente comune, minacciato dalla distruzione degli habitat, ma complessivamente non in pericolo, anche per l’ampiezza dell’areale.